Kabul Beauty – Pordenone Docs Fest

Kabul Beauty

2023, Francia, 52'

Margaux Benn, Solène Chalvon Fioriti

ANTEPRIMA NAZIONALE OSPITI LE REGISTE

Un grande sogno racchiuso in un salone di bellezza e un ultimo spazio di libertà per le donne di Kabul. Una storia tutta al femminile, che parla alle nuove generazioni, un messaggio di amicizia, speranza e coraggio.  

Il salone di bellezza di Sofia e Nigina si trova a Kabul. È un luogo dedicato solo alle donne: uno spazio protetto al quale gli uomini non hanno accesso. Tra le poltroncine del salone, ci si conforta e ci si confronta, si discute della situazione del paese e si abbandona il velo. Per un anno e mezzo, mentre i talebani impongono nuove leggi, soprattutto alle donne, seguiamo Sofia e Nigina anche oltre i confini del salone: in un parco dove all’improvviso sono rimaste le uniche a mostrare ancora scoperto il volto; sulle colline dove imparano a guidare di nascosto; su una grande ruota panoramica dove sciolgono i capelli al vento, lontano da occhi talebani; sulla strada dell’esilio, l’unica apparente salvezza quando la repressione si fa soffocante, violenta. La ricerca di leggerezza delle giovani donne diventa un piano di fuga che mette alla prova la loro resilienza, il loro coraggio e persino la loro amicizia.  

In collaborazione con 

Carta di Pordenone

Voce Donna 

EMERGENCY

Interviene Silvia Barlocco, Grant Manager EMERGENCY (in diretta dal Sudan)

Proiezione aperta anche alle scuole previa prenotazione. Per info scrivere a didattica@cinemazero.it 

 

array(2) { [0]=> object(WP_Post)#5318 (24) { ["ID"]=> int(2164) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2024-03-20 11:52:02" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2024-03-20 10:52:02" ["post_content"]=> string(905) "giornalista francese e canadese della sezione internazionale de Le Figaro e una regista documentarista. Ha trascorso un decennio lavorando come giornalista stampa, radio e TV con sede in Francia, Sudan, Kenya, Repubblica Centrafricana, Cipro e Afghanistan - dove ha vissuto per diversi anni e ha coperto il ritorno al potere dei talebani e il ritiro degli Stati Uniti. Dal febbraio 2022, continuando a lavorare in Afghanistan, si è dedicata principalmente alla copertura della guerra in Ucraina. Il suo lavoro è stato riconosciuto con diversi premi francesi, italiani e americani. Sol e Margaux hanno fondato Accueillir les Afghanes («Accogliere le Donne Afghane»), un'iniziativa congiunta con France Terre d'Asile che chiede alle autorità francesi di concedere automaticamente asilo alle donne afghane desiderose di sfuggire a quello che l'ONU definisce un «apartheid di genere» in Afghanistan." ["post_title"]=> string(12) "Margaux Benn" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "margaux-benn" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2024-03-25 17:53:39" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2024-03-25 16:53:39" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(62) "https://www.pordenonedocsfest.it/?post_type=ospite&p=2164" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(6) "ospite" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [1]=> object(WP_Post)#5323 (24) { ["ID"]=> int(2167) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2024-03-20 11:53:47" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2024-03-20 10:53:47" ["post_content"]=> string(1024) "Esperta delle zone di conflitto e delle aree in crisi (conflitti armati, virus Ebola, crisi post-elettorali, catastrofi naturali), Solène Chalvon-Fioriti è stata corrispondente multimediale in Afghanistan, in Africa Occidentale e in Pakistan. Ha lavorato per la radio, Radio France / RFI, e per la televisione: le reti Arte, France 24, France 2 e France 5, oltre che per la stampa scritta - Libération, Le Magazine du Monde, la rivista XXI... La giornalista è anche regista di diversi documentari. Chalvon-Fioriti ha pubblicato il suo primo libro a marzo 2022, "La Femme qui s’est éveillée. Une histoire afghane", un racconto letterario su una rete femminista afghana coinvolta nella guerra. Sta completando "Nous, Jeunesse(s) d'Iran" per France Télévision, un'immersione nel movimento Femme Vie Liberté. Fin dai suoi esordi, la reporter offre una lettura della guerra decisamente femminista, in contrasto con i cliché miserabili e misogini che di solito colpiscono le donne, prime vittime dei conflitti armati." ["post_title"]=> string(23) "Solène Chalvon Fioriti" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "solene-chalvon-fioriti" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2024-03-22 16:54:52" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2024-03-22 15:54:52" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(62) "https://www.pordenonedocsfest.it/?post_type=ospite&p=2167" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(6) "ospite" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } }

Iscriviti alla Newsletter


Sei unə studentə?