Arrivederci Berlinguer! al festival UnArchive di Roma – Pordenone Docs Fest

Arrivederci Berlinguer! al festival UnArchive di Roma

Sabato 6 maggio alle 22:30 all’Alcazar di Roma, dopo l’anteprima al Pordenone Docs Fest lo scorso 2 aprile, inizia il tour del cineconcerto “Arrivederci, Berlinguer!”, per la regia di Michele Mellara e Alessandro Rossi, spettacolo prodotto dallo stesso festival di Cinemazero e dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, in collaborazione con Mammut Film, con la musica dal vivo di Massimo Zamboni.

 Un evento speciale che si inserisce all’interno dell’UnArchive Found Footage Fest , il festival diretto da Alina Marazzi e Marco Bertozzi (quest’ultimo anche membro del comitato scientifico di Cinemazero) che valorizza il riuso creativo delle immagini d’archivio.

“L’addio a Enrico Berlinguer”, il film corale sui suoi funerali, realizzato all’epoca, tra gli altri, da Bernardo e Giuseppe Bertolucci, Silvano Agosti, Roberto Benigni, Carlo Lizzani, Luigi Magni, Giuliano Montaldo, Ettore Scola e Gillo Pontecorvo, è stato rimontato e attualizzato, arricchito di materiali inediti, per mostrare il rapporto umano, caldo e vivo, che il politico riuscì ad avere con le masse popolari. Nella nuova versione, è un film che guarda in avanti, che non vuole celebrare ma dare spunti: per riflettere su cosa significa fare politica, viverla come comunità e in prima persona: oggi urgenza quanto mai necessaria. 

«L’umanità della figura di Berlinguer restituisce dignità, integrità e forza alla politica. Lo raccontiamo a partire dalla grande partecipazione popolare al suo funerale, – spiegano i registi. – Nel nuovo assemblaggio, a intervallare i tempi espansi della lunga cerimonia, abbiamo inserito alcuni suoi interventi che riguardano i temi che ci sembravano più vicini all’oggi: generazioni, donne, famiglia, questione morale, lavoro, e su cui ebbe parole  ancora di estrema attualità, che continuano a farci riflettere». 

Le immagini, provenienti dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, sono state girate per lo più in pellicola, tra le fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Ottanta, soprattutto durante convegni e appuntamenti pubblici a cui prese parte Berlinguer. Mostrano l’uomo politico, nella sua veste istituzionale, concedendo poco al privato. Il leader viene rappresentato sempre – forse, a volte, con una dose di serietà eccessiva – nei momenti ufficiali, nell’impeto oratorio di un comizio, nell’incontro di sezione con i militanti del partito. A questi filmati, però, se ne aggiungono alcuni che lo ritraggono nella vita privata, più caldi, momenti che restituiscono, almeno in parte, l’umanità e le fragilità dell’uomo. 

Il montaggio del nuovo film, “Arrivederci Berlinguer!”, è pensato in chiave emozionale, per coinvolgere il pubblico poggiandosi sulle composizioni musicali e la chitarra di Massimo Zamboni: la reiterazione del gesto, le folle, la commozione delle donne, dei politici, delle masse operaie, degli ultimi e dei capi di stato, i pugni alzati: tutto questo diventa sinfonia visiva e musicale allo stesso tempo.

Iscriviti alla Newsletter


Sei uno studente?